Zoomarine

Come festeggiare nel migliore dei modi il compleanno di un bimbo di 5 anni amante degli animali? con una giornata a Zoomarine!

Il mio piccolo viaggiatore dagli occhi blu ha da poco compiuto gli anni; poco prima del sopraggiungere della fatidica data, gli ho chiesto candidamente “cosa vorresti per il tuo compleanno?” e lui altrettanto candidamente ha risposto “nuotare con i delfini!”.

Zoomarine

Dopo essermi fermata per un po’ a riflettere sul fatto che forse farlo viaggiare sin da subito, ha aperto sì la sua mente ma ha anche alzato le sue pretese, ho iniziato a pensare a come avrei potuto soddisfare la sua richiesta ed ecco che l’invito da parte di Zoomarine è arrivato nel momento perfetto.

Chi ci segue sui canali social sa, infatti, che siamo stati da poco in questo parco divertimenti: il 27 Giugno abbiamo trascorso la giornata a Zoomarine, in occasione della Giornata Mondiale dei Pappagalli, e ne serbiamo un ricordo splendido.

Zoomarine

Per chi non lo conoscesse già, Zoomarine è un parco a tema marino situato in località Torvaianica nel comune di Pomezia (Roma): il primo ad aver aperto in Italia. Ha una superficie totale di 40.000 m² e offre tantissime attrazioni per diverse fasce d’età.

Il parco è stato inaugurato nel 2005 dall’azienda Mundo Aquático, riprendendo il modello dell’omonimo parco presente in Portogallo e ispirandosi al parco americano di Sea World. Nel 2015 c’è stato un passaggio di testimone e la struttura è stata acquisita dalla multinazionale Dolphin Discovery, specializzata nel settore dei delfinari.

Zoomarine

Zoomarine ha avuto diversi riconoscimenti tra cui la licenza come Giardino Zoologico e la nomina di Parco dell’anno ai Parksmania Awards, nel 2011 è stato inserito nel Polo Turistico di Roma Capitale ed è anche comparso in diversi film tra cui “Notte prima degli esami – Oggi” di Fausto Brizzi.

ZoomarineNoi siamo arrivati al Parco la mattina verso le 10.30 (il parco apre intorno alle 10): dopo uno sguardo fugace all’Oasi delle Tartarughe, sita in Piazza Allegria, di fronte alcuni esemplari di testuggini giganti unici, abbiamo reso onore ai pappagalli (d’altronde era la loro giornata!) soffermandoci a osservare con calma le foto di Massimo Vasconi sull’area zoologica dedicata ai pappagalli di Zoomarine.

Siamo, quindi, andati in avanscoperta del parco ma l’avanzata si è presto interrotta, visto che, dopo pochi passi, mi sono ritrovata Baby P. in costume che scorrazzava allegramente tra gli schizzi delle fontane di Aquasplash.

Conclusa la breve fase di allegria e freschezza, ci siamo diretti a vedere lo spettacolo a cui tenevamo di più ossia quello dei delfini. La dimostrazione, che si è tenuta alle 12.15, non ci ha per niente deluso: ho visto i miei figli davvero entusiasti. Il loro sorriso è stato la più grande gioia.

Zoomarine

Senza perdere il ritmo, siamo quindi andati alla Foresta dei Pappagalli per assistere allo show dei pappagalli: un tripudio di colori e uno stuolo di rapaci molto intelligenti e capaci, oltre ogni immaginazione. Alla fine l’immancabile foto con il pappagallo per entrambi i miei bimbi spavaldi.

Zoomarine

In generale ho letto che alla fine di ogni spettacolo (oltre a quello dei delfini e dei pappagalli, c’è anche quello dei pinnipedi e dei rapaci che però non abbiamo visto) il parco offre la possibilità (a pagamento) di osservare gli animali da vicino con dei tour dedicati di circa 30 minuti.

Il parco offre attrazioni per tutti i gusti: per i più piccoli figurano il piccolo coaster Squalotto, il trenino fattoria, il mini polipo, lo scivolo con gommoni e la classica giostra a cavalli. Baby P. ha colto l’occasione per farsi la sua pima “montagna russa” ossia impavido è salito sullo Squalotto 😉

Zoomarine offre divertimento anche per i più grandi con tantissime attrazioni come il Blue River (montagne russe acquatiche), l’Harakiri (rafting sui gommoni), il Drope Zone (caduta verticale da 25 metri di altezza) e il Cinema 4D.Zoomarine

Per la pausa pranzo, vagliando tra le tante opzioni dei punti ristoro, abbiamo preferito tornare nel bar Ristorante di Piazza Allegria e mangiarci un’ottima pizza cucinata in via espressa e cotta nel forno a legna: prelibata e sana!

Con una Sister A. incredibilmente ancora operativa, ci siamo quindi diretti a Miami Beach: la spiaggia in teak del parco dotata di lettini e ombrelloni gratuiti, scivoli e giochi per bambini e idromassaggi. La piscina ha diverse profondità che permettono a tutti di immergersi: ecco perché in men che non si dica ci siamo ritrovati io e Sister A. nella piscina dei piccoli a fare una lezione di acqua gym e Baby P. a tuffarsi ripetutamente dal mega scivolo centrale.

Sister A. era così presa dal ballo e dalle mani in alto che si è quasi risentita quando ci è stato a tutti chiesto di fare una piccola pausa per permettere alla scuola di danza JR School Academy di esibirsi: ho visto però poi il suo risentimento trasformarsi in meraviglia nell’osservare i piccoli ballerini ornati di piume ondeggiare come pappagalli tra le piscine.

Zoomarine

Le emozioni erano state tante tra allegria, entusiasmo e gioia e la stanchezza era palpabile ma, nonostante le palpebre dei nostri bimbi davano segni di cedimento, in uno slancio siamo riusciti a inserire un’ultima attrazione: un giro ne “L’era dei Dinosauri”, un’area che ricrea una tipica foresta preistorica con dinosauri a grandezza naturale. Era un’occasione troppo ghiotta per un piccolino amante dei dinosauri e il suo sorriso e i suoi occhi hanno ripagato la fatica di quest’ultimo giro inserito un po’ forzatamente.

ZoomarineTornando a casa la sensazione era quella di aver trascorso una giornata piena, di esserci diverti tutti insieme e la parte più bella era l’immagine del viso dei miei figli illuminato.

Se volete trascorrere una giornata come la nostra, trovate tutte le informazioni sul sito ufficiale e se posso darvi un consiglio: andate la prossima domenica (10 Giugno), ci sarà Cristina D’Avena come ospite che si esibirà con i suoi successi storici e incontrerà i fan, già vi vedo a cantare “Kiss me Licia” in coro 😉

[Post in collaborazione con Zoomarine]

Share:
Lucrezina
Written by Lucrezina
blogger. travelaholic. web tourism passionate. hopeless dreamer. mum of a baby boy and a brand new baby girl